Teleguidato dalla base di Foggia

CAGLIARI – E’ riuscito il primo volo, controllato da satellite, del Predator, velivolo ultraleggero senza pilota dell’Aeronautica militare italiana, decollato dalla base di Amendola (Foggia) ed atterrato poco prima delle 11 (dopo dieci ore e mezzo di volo) sulla pista dell’aeroporto militare di Decimomannu.

L’aereo è attualmente utilizzato per sorveglianza e ricognizione in Afghanistan ed il test di oggi conferma la capacità del velivolo di essere controllato da distanze remote.Nei quasi mille chilometri di volo il Predator è stato preso in consegna da un satellite e guidato dalla base di Amendola (28/o Gruppo) sino a Decimo dove è passato ad una stazione di terra per la fase dell’atterraggio.

Il lungo trasferimento (che conferma l’Italia prima nazione europea ad avere la capacità di gestire da distanze remote il velivolo) si inserisce nell’operazione ‘Shardan 2009’ (nome di antiche popolazioni sarde venute dal mare) che si concluderà il prossimo 7 agosto e che dovrà confermare le capacità di effettuare missioni con un velivolo Uav, senza pilota a bordo (Unmanned aircraft vehicle), ma guidato con un pilotaggio remoto.

Roberto Corsini, assume un significato non solo sperimentale ma anche operativo, infatti secondo l’Ami la capacità di governare il Predator da distanze così rilevanti potrebbe consentire di controllare dall’Italia, in particolari condizioni, il Predator utilizzato in scenari esteri (come l’Afghanistan) o anche per sorveglianza e ricognizione in tutto lo spazio aereo italiano.

Fonte:
http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=256754&IDCategoria=1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...